Ticket sanitari: cosa cambierà dal 1 Luglio 2014.

Posted by on giu 25, 2014 in privati | 0 comments

Ticket sanitari: cosa cambierà dal 1 Luglio 2014.

Dal 1° luglio 2014 entrano in vigore le nuove regole per il pagamento dei ticket sanitari e non sarà più possibile dichiarare la propria fascia di reddito con autocertifi cazione o modifi care i dati inseriti nel Sistema Sanitario. Di seguito spieghiamo quello che c’è da sapere e come fare per comunicare la propria fascia di reddito reale e poter così risparmiare.

Cosa cambierà? Fino ad ora il pagamento del ticket sanitario poteva avvenire sia con attestazione della fascia di reddito da parte del medico prescrittore, che la rilevava dalla Tessera Sanitaria (Sistema TS); sia con autocertificazione del paziente al momento della prenotazione di un esame o di una visita specialistica.

Dal 1° luglio invece non sarà più possibile procedere in questo modo: la fascia di reddito di appartenenza del paziente sarà stabilita in automatico dal rilevamento dei dati dalla Dichiarazione dei Redditi. Insomma: sarà direttamente il Ministero delle Finanze ad indicare a quale fascia di reddito apparteniamo, basandosi su quanto abbiamo indicato nella nostra Dichiarazione dei Redditi.

Importante quindi è prendere contatto con le USL/ASL di appartenenza, anche telefonicamente, ed accertarsi che i loro terminali abbiano i nostri dati reddituali inseriti correttamente. Ove questi non ci dovessero essere o dovessero risultare non corretti, gli stessi operatori renderanno disponibile la documentazione necessaria all’aggiornamento.

E’ importantissimo che questa operazione sia effettuata preventivamente all’utilizzo dei ticket in quanto non sarà concessa la possibilità di aggiornare i dati tramite il medico curante ma solamente presso il CUP oppure on line tramite PEC o E-mail.

 

 

Fonte: RatioFamiglia